24
Fri, Nov

Un archeologo - il professore David Kennedy dell'Università della Western Australia, utilizzando la mappatura di Google earth per investigare aree del deserto sud arabico ha rivelato che c'è l'evidenza di strutture non visibili da terreno e che alcuni studiosi stanno cominciando a considerare come segni evidenti del passaggio del popolo israelita dal Sinai dopo aver lasciato l'Egitto.
Lo stesso archeologo, che ha trascorso gli ultimi 40 anni della sua vita a esplorare zone laviche nel deserto giordano, aveva sospettato che nel deserto del Sud Arabia vi fossero altre zone simili, impedito nel studio a causa delle ristrettezze normative di accesso in queste zone.
Il dottor David ha asserito che "noi solitamente pensiamo al deserto arabico come tale, mentre in pratica ci sono enormi tesori archeologici che devono essere ancora identificati e mappati. Non li scorgi dal terreno ma da un aereo o meglio ancora da un satellite appaiono così chiari e belli!".
Il dottore David ha identificato 400 aree che possono essere viste come "porte" costruite da gente nomade almeno 2.000 anni fa. E in molti adesso sostengono questa scoperta come una prova del passaggio nel deserto sud arabico del popolo di Israele, anche per evidenti coincidenze fra la Parola stessa e alcuni luoghi raccontati dal narratore. Perfino Giuseppe Flavio, come storico sembra riferire strane coincidenze che fanno propendere per questa tesi.

Dopo decenni di scavi, un’équipe di archeologi israeliani avrebbe identificato i resti della località di Bethsaida-Julias, il villaggio di pescatori dove nacquero gli apostoli Pietro, Andrea e Filippo. Una scoperta che segna una svolta epocale nello studio del primo Cristianesimo e del Nuovo Testamento. Il villaggio si troverebbe nei pressi del fiume Giordano, non lontano da Capernaum. In una località oggi chiamata al-Araj, gli studiosi hanno riportato alla luce uno strato di terreno con reperti di epoca romana che potrebbero essere collegati a Julias, la località che prende il nome dalla figlia del primo imperatore romano Augusto. Secondo quanto riportato dal Messaggero, lo storico Giuseppe Flavio è convinto che il villaggio di Bathsaida-Julias fosse situato proprio nel punto dove il Giordano entra nel Lago di Tiberiade. La nuova scoperta di reperti datati tra il I e il III secolo si trovava a due metri di profondità sotto uno strato di epoca bizantina che invece era stato già analizzato in precedenza. Gli archeologi hanno trovato anche una moneta d’argento dell’epoca dell’imperatore Nerone e i resti di una vasca romana ‘atipica’ nei villaggi della zona. L’impresa è stata portata avanti dalla squadra di archeologi guidata da Mordechai Aviam dell’istituto Kinneret di archeologia della Galilea. La località di Betsaida prese il nome di Julias sotto Erode Filippo, figlio di Erode il Grande, ma nei secoli la sua esatta ubicazione era andata perduta. Gli studiosi ritengono ora di essere finalmente riusciti a individuare il punto esatto. Fra i reperti rinvenuti spiccano altresì parti di un mosaico e alcuni elementi attinenti a un bagno pubblico romano che fanno pensare a una cultura di tipo urbano. Potrebbero essere questi i primi reperti di Betsaida-Julias. Questi resti farebbero quindi identificare il sito con la città di Pietro in quanto lo strato che ha conservato le strutture antiche si trova a 212 metri sotto il livello del mare. In passato i ricercatori pensavano che all'epoca di Gesù il Mar di Galilea fosse a 209 metri sotto il livello del mare e avevano cercato Betsaida più in alto.

Per grazia del Signore Venerdì 28 Luglio 2017, alle ore 21:00 nei locali della chiesa Cristiana di Capaci - Passaggio albatross, (sotto la CRAI), verrà proiettato in visione gratuita il film La battaglia di Hacksaw Ridge, di Mel Gibson, un lungometraggio dal sapore cristiano dei valori di un tempo.

Ogni caro lettore che vorrà presenziare potrà contattare la segreteria della Chiesa attraverso l'email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per avere un posto riservato.

Dio benedica quanti presenzieranno.

Oggi si parla di tante dipendenze e di tanti vizi. La nostra mente spazia tra alcolismo, droga, fumo, gioco, violenza, abuso sessuale, pedofilia, e la lista purtroppo si allunga con una nuova forma di dipendenza che ha degli effetti devastanti nella psiche umana. Stiamo parlando della youtube dipendenza. Sembrerà incredibile chela piattaforma di Google dalla quale si possono scaricare migliaia di video di qualsiasi genere e tipo, possa costituire una minaccia così seria per l'uomo. Eppure, proprio negli Stati Uniti, arriva il caso di una prima ragazza che a 13 anni è stata ricoverata in ospedale psichiatrico. I genitori avevano notato nel corso delle ultime settimane un comportamento inusuale da parte della ragazzina. Infatti aveva cominciato a guardare ossessivamente e continuamente video su Youtube, passando sostanzialmente tutta la giornata sullo schermo. La dipendenza “digitale” non è ancora considerata ufficialmente una patologia dalla comunità medica internazionale, ma i sintomi sembrano essere in linea con le caratteristiche tipiche ad esempio della ludopatia. Si comincia con il calo delle attività normali, un innalzamento della frenesia di attaccamento al canale, e pian piano la depressione più acuta comincia a fare il capolinea tenendo il soggetto in una costante attitidune violenta e senza lucidità mentale.

La moda della balena blu - In questi giorni è venuto fuori un nuovo macabro gioco che porta i ragazzi al suicidio senza nessun segnale apparente di problemi. Si tratta della balena blu, che in 50 giorni porta il partecipante a compiere il gesto estremo, cioè il suicidio filmato da un altro coetaneo.
La sfida o il percorso comincia con compiti che portano paura, come vedere tutto il giorno film d'horror, o alzarsi nel mezzo della notte; ma velocemente passano a farsi del male, o a fare del male ad altri. Alla fine, il compito il 50esimo giorno è il suicidio che termina il gioco e la vita del partecipante.
La sfida della balena blu, o il gioco della balena blu, cosi anche chiamato, o F57, è un "gioco" che gli investigatori credono sia nato in Russia, e sia già stata la causa di diversi suicidi di adolescenti.
Sfida i decenni e i dodicenni a taggarsi sui social media, (sopratutto snapchat). Una volta taggati, rientrano nel gioco. Il gruppo dietro la sfida da all'adolescente un compito nuovo ognuno dei prossim i50 giorni.I partecipanti scaricano l'APP che prende le loro informazioni personali e non può più essere cancellata. Ai ragazzi viene detto e insegnato nel gioco che le migliori cose nella vita cominciano con la lettera -s - semiya (che significa famiglia), ma anche sabato, suicidio, sesso. Poiché il gioco viene giocato attraverso la piattaforma sociale, i post sono scambiati soprattutto in quella piattaforma, con post che dicono qualcosa come "questa vita no nfa per te", ovvero "siamo i figli di una generazione morta". Uno dei compiti è quello di incidersi nel braccio destro una balena blu. Stiamo attenti e sorvegliamo i nostri figli.


The blue whale fashion . In these days has come true a new cruel game which brings guys to suicide without no apparent signal manifesting further problems. IT is the Blue whale fashion, which, in 50 days, fetch the participant to do an extreme action, that is suicide while saved by another fellow-like participant.
The 'challenges' start with fear-inducing tasks like watching horror films all day long, or waking up in the middle of the night; but quickly escalate to tasks of self-harm, or the harming of others. Eventually, the final task on the 50th day is suicide—ending the game and their lives.
The "Blue Whale Challenge," also called the "Blue Whale game," and "F57," is a "game" that investigators believe to have started in Russia, and has been the cause of multiple teen deaths by suicide.
It challenges players—teens and tweens—to tag each other on social media (primarily Snapchat). Once tagged, they're in the game. The group behind the challenge gives teens a new task each day for 50 days. Participants download the app, which essentially hacks their personal information, and cannot be deleted. Kids are told via the challenge that "the best things in life start with the letter 's'—semiya (which means family), Saturday, sex and suicide." Because the game is "played" through social media, much of the communication takes place through such platforms. Many of the tasks are documented with posts like, "This world is not for us," or "We are the children of the dead generation." One of the task is to cut the right arm e draw a whale. Pay attention and monitor your children

READ MORE

Siamo stati contattati da un corrispondente, fratello Gennaro Grassi, che ha posto il caso reale della piccola Ana'el, una bimba di soli tre anni che è malata gravemente di cancro. I genitori non sanno cosa fare, e la luce di Dio è arrivata anche a loro. Non si stanno chiedendo soldi per un intervento speciale ne questa è la solita bufala che di tanto in tanto serve per alimentare i mi piace e le visite di qualche manigoldo che non ha altro tempo da perdere. Si tratta di un caso reale. Vogliamo la tua preghiera, costante, davanti a Dio. Tutto qua. Nello  stesso tempo ti chiediamo di condividere e divulgare la notizia nella tua bacheca in modo tale che siano il maggior numero di persone a pregare in modo tale che Dio possa rispondere al nostro grido. Pace di Cristo

 

We have been alerted by our correspondent, brother Gennaro Grassi, who have stressed the situation of the child ANA'EL, a three years child severely affected by a cancer. HEr parents do not know what to do, and the light of God has reached them, too. WE are not asking for money for a special surgery, neither this is the usual fake news which appears from time to time with the only aim to boost like abd view of a certain criminal who has no other more serious thing to face with. This is a REAL case. WE ask for your pray, persevering pray, before the throne of God. Here it is. In the same time, we ask you to share and promote the new in your profile in such a way that the most wide number of individuals could pray so that God will respond to our cry. Peace of Christ.

 

Pastor Gabriele

Corresponding author: Br. Gennaro Grassi

Le analisi del Bloomberg Business, mostrano che 162 centri per fare l'aborto in USA hanno chiuso dal 2011 ad oggi, mentre soltanto 21 sono stati aperti.
Il Mississipi, il Missouri, il Nord e il Sud Dakota, e il Wyoming hanno una sola clinica per l'aborto rimassta aperta, mentre gli avvocati hanno cercato di mettere delle restrizioni.
I gruppi a favore della vita hanno celebrato questa notizia e aspettano che la Suprema Corte degli USA ascolti quest'anno le restrizioni alla legge sull'aborto del TExas.


Analysis by Bloomberg Business shows that 162 abortion providers across the U.S. have closed since 2011 while only 21 opened.
Mississippi, Missouri, North and South Dakota and Wyoming have only one remaining abortion clinic as lawmakers have tightened regulations on providers, much to the chagrin of abortion advocates.
Pro-life groups celebrate the news and await the U.S. Supreme Court’s hearing this year on the Texas law restricting providers.

Lacey Buchanan non ritiene che Dio compia degli errori. "Le promesse di Dio sono vere anche quando le cose non girano sulla strada che noi pensiamo debbano girare" ha detto al Gospel Herald. "Dio ha un piano che è così più ampio di ciò che la nostra visione limitata può riuscire a vedere. Dio è degno di aver fiducia ed Egli è buono nelle Sue promesse. Dio è buono, e si prende cura dei suoi figli".
Lacey parla per la sua esperienza. a soli 23 anni, la nativa del Tennessee era al secondo anno di matrimonio con il suo innamorato della scuola superiore, sta anticipando il suo primo anno di scuola di legge, ed è incinta del suo primo figlio. Comunque quello che sembrava essere il più bel tempo della sua vita prese una svolta alquanto strana.
Agli ultrasuoni della 18esima settimana, Lacey e suo marito. Chris, furono avvisati che essi stavano per avere un bambino con un difetto alla nascita, anche se non potevano stabilire la gravità di quel difetto.
"Siamo andati a quell'appuntamento molto felici ed euforici per scoprire quale bambino stavamo per partorire, e in pochi momenti il nostro mondo intero ci cadde addosso" - ricorda Lacey. "Eravamo devastati al pensiero di dovere apprendere la diagnosi. Fu una tempesta sopra di noi".
Il Febbraio 18 del 2011 Christian nacque con una rara sindrome conosciuta come sindrome di Tessier senza occhi e con un palatto schiacciato.
"La nostra fede fu messa a dura prova" dice Lacey. "Noi ci ponevamo tutte le domande che naturalmente vengono poste in questi casi "Perché Dio non lo ha guarito nel modo che avrebbe dovuto?"
Nel primo mese di vita, Chris fu tenuto sotto stretta osservazione. Quando fu finalmente in grado di andare a casa una sfida emotiva, spirituale, caratteriale, finanziaria, invase Chris e Lacey nella loro unione matrimoniale. Durante questo periodo essi pregarono insistentemente senza sosta sopra il piccolo fanciullo.
Giusto per peggiorare la questione attendevano commenti negativi per Lacey via social media. "quando Chris aveva tre mesi, feci conoscenza con una signora in privato la quale mi scrisse che avrei dovuto piuttosto abortire, sarebbe stata la cosa più giusta da fare, perché quel bimbo avrebbe avuto una vita patetica e miserabile" dice Lacey.
Quel commento nello specifico fece nascere qualcosa in Lacey che si mise in animo di fare un video per descrivere la gioia che Chris porta ad entrambi e il trionfo che lui stesso ha quando incontra altra gente.
Il video di sette minuti racconta soltanto dell'amore dei genitori per il figlio. Anche noi abbiamo dei difetti ma il nostro Padre ci ama così come siamo.Il mondo è affamato di amore".


Lacey Buchanan doesn't believe God makes mistakes.
"God's promises are true even when things don't turn out the way we think they should," she told The Gospel Herald. "God has a plan that is so much bigger than we can ever see in our limited scope and vision. God is trustworthy and He is good on His promises. God is good, and He takes care of His children."
Lacey speaks from experience. At just 23 years old, the Tennessee native was enjoying her second year of marriage to her highschool sweetheart, anticipating her first year of law school, and pregnant with her first child. However, what should have been the happiest time of her life suddenly took a turn.
At the 18-week ultrasound, Lacey and her husband, Chris, were told their unborn baby, Christian, had a birth defect - but doctors weren't sure just how severe it would be.
"We went into that appointment very happy and excited to find out that we were having a boy, and within just a few days, our whole world came crashing down around us," Lacey recalled. "We were devastated to learn his diagnosis. It was a hard blow for us."
On Feb. 18, 2011, Christian was born with a rare syndrome known as Tessier cleft lip and palate, leaving him with a severely cleft palate and missing eyes.
"Our faith was definitely challenged," Lacey said. "We asked all the questions that anybody would ask in that situation; we asked, 'why isn't God fixing it the way we think He should?"
For the first month of his life, Christian remained in the neonatal intensive care unit. When he was finally able to come home, the physical, financial, and emotional challenges Lacey and Chris were met with took a toll on their marriage. During this time, the couple prayed tirelessly over their little boy.
Only making matters worse were the horrible comments people would make to Lacey via social media. "When Christian was three months old, I had an acquaintance private message me on social media, and she told me I should have aborted Christian and that it would have been the compassionate thing to do, because he'd have a miserable and pathetic life. She went on and on about how selfish I was for not aborting him," Lacey said.
That particular comment stirred something in Lacey and prompted her to make a video in which she describes the joy Christian brings her, the love she and Chris have for their little boy, and the triumph she feels when he giggles in the face of unfriendly glances from strangers.
"It's about the love of the Father for His children. We're all sinful, but God sees His children because of Jesus and I feel like people resonate with that real, true, love. I think the world is hungry for love, and they were able to see that in that video for just a few minutes."

Parigi - La suprema Corte francese ha rigettato la nozione di un genere sessuale "neutro". La sentenza riprende la decisione di una corte minore che aveva negato a un cittadino francese che aveva una malformazione del genere sessuale, il diritto a usare la parola "neutro" come proprio genere sessuale ufficiale. La corte di Cassazione, la Corte suprema francese, ha sentenziato che la distinzione tra maschio e femmina è stata "necessaria per l'organizzazione legale e sociale, di cui ne è pietra miliare", e che il riconoscimento di un genere sessuale neutro avrebbe "profonde ripercussioni sui ruoli della legge francese" e e necessiterebbe di cambi legislativi, secondo l'Agenzia francese France-Presse. La persona in questione, uno psicoterapeuta di 65 anni della francia dell'est conosciuto con lo pseudonimo Gaetan Schmitt, è stato assegnato maschio all'anagrafe nonostante abbia entrambi gli organi genitali, (maschile e femminile, ndr). Schmitt è sposato con una donna, ha adottato un bambino ma richiede di non essere ne maschio ne femmina.
Solo  pochi Paesi, fra cui Australia, Nepal, India e Nuova Zelanda, hanno un terzo genere sessuale legale. Gli altri Paesi permettono soltanto ai genitori di non dichiarare subito il genere sessuale per un bimbo nato con una malformazione sessuale, ma soltanto per un tempo limitato. Perier, l'avvocato di Schmitt ha detto che costui è stato cresciuto come un maschio solo perché la mamma voleva un maschio. "Gaetan non è ne maschio ne donna. Non si sentono ne maschio ne donna. Non possono diventare ne maschio ne femmina" ha dichiarato Perier, riferendosi a Schmitt con un pronome plurale. Schmitt pensa di portare il caso alla corte Europea dei Diritti umani.


Paris - France’s highest court last week rejected the notion of a “neutral” gender. The ruling upheld a lower court’s decision denying a French citizen with a sex development disorder the right to use “neutral” as an official gender. The Cour de Cassation, France’s supreme court, ruled that the distinction between male and female was “necessary to the social and legal organization, of which it is a cornerstone,” and that the recognition of a neutral gender would have “profound repercussions on rules of French law” and necessitate legislative changes, according to Agence France-Presse. The plaintiff, a 65-year-old psychotherapist from eastern France known by the pseudonym Gaetan Schmitt, was assigned male at birth despite having intersex genitalia. Schmitt is married to a woman and has an adopted child but claims to be neither male or female.
Only a few countries, including Australia, Nepal, India, and New Zealand, have a legal third gender. Other countries allow parents to delay declaring a gender for babies born with a sex development disorder, but only for a limited time. Périer said Schmitt was raised as a boy because his mother wanted a son.
“Gaetan is neither a man nor a woman. They do not feel like a man or woman. They cannot become a man or woman. And they do not want to become a man or woman,” Périer said, referring to Schmitt with a plural pronoun. Schmitt plans to take the case to the European Court of Human Rights.

 

READ ORIGINAL ARTICLE

Mondo - Un nuovo studio molto profondo sul tema "in risposta alla persecuzione", del progetto "sotto la spada di Cesare" di Notre Dame, ha rivelato martedì scorso al National Press Club chi sarà più vivamente perseguitato: protestanti e pentecostali. Queste conclusioni sono basate su diversi fattori.
Il report sostiene, "evangelici e pentecostali sono in comparazione più recenti di arrivo e così non hanno ancora stabilito modelli di conoscenza con le popolazioni circostanti e con i governi così come le chiese che hanno centinaia di anni di storia hanno". La ricerca sostiene anche che le chiese più tradizionali sono molto più sostenute da cervelli di rango "superiore". Ma forse più importante, poiché gli evangelici e i pentecostali vivono l'evangelizazione e la necessità della conversione come un processo urgente, necessario e a volte drammatico, essi stessi già anticipano con questo modo di fare la persecuzione: i governi ostili alla cristianità e agli attori non statali come i gruppi terroristici e i militanti nelle svariate religioni vedono loro come una minaccia per se stessi.

World - A new very deep study on the topic "In Response to Persecution," of Notre Dame's Under Caesar's Sword project, were revealed Thursday at the National Press Club who will be more likely persecuted among christians: protestant and pentecostals. Those conclusions are based on many factors.
The report reads, "evangelicals and Pentecostals are comparatively recent arrivals and thus have not established patterns relating to surrounding populations and government to the same degree with churches with centuries of history in a given region." They are also perceived as being supported by like-minded superior believers, the research finds. But perhaps most importantly, because evangelicals and Pentecostals understand evangelization and the necessity of conversion as "verbal, urgent, and sometimes dramatic processes," they actually anticipate being persecuted. Governments hostile to Christianity and non-state actors like terrorist groups and militant varieties of other religions thus view them as more of a threat.


Read more at http://www.christianpost.com/news/evangelicals-pentecostals-are-more-likely-than-other-christians-to-be-persecuted-report-181515/#p3m70FYlwgJH1WBl.99

Read more at http://www.christianpost.com/news/evangelicals-pentecostals-are-more-likely-than-other-christians-to-be-persecuted-report-181515/#BAGIqsDBzCRZ2fBd.99

"Si trovava li guardando la TV dal letto. Mi misi accanto a lei, tenendo la sua mano destra nella mia sinistra. Mi addormentai [e] mi risvegliai circa un'ora dopo, lei se ne era andata, se ne era appena andata..." Steive Fleishmann, marito di Erin Moran.
Si erano conosciuti il 22/04/1992 e la nota attrice della serie tv Happy days, muore il 22/04/2017, per il loro 25 anniversario. Molte cose sono state dette in proposito ad una vita sconsiderata della attrice, ma il marito ha precisato ampiamente che la sua amica del cuore, Lisa Welchel, le aveva parlato di Cristo e lei aveva accettato il Signore nel proprio cuore, spegnendosi in pace con Dio.

"She was there watching TV in bed. I laid down next to her, held her right hand in my left. I fell asleep [and] woke up about a hour later still holding her hand, and she was gone, she was just gone…" -Steve Fleischmann, Erin Moran's husband.
They met each other on the 4/22/1992 and the well famous actress of the spot televion series "Happy Days", died on th 4/22/2017, for the 25th celebration year. MAny things have been told about a sconsidered life of this actress, but the husband have clearified that her heart loving friend, Lisa WElchel, told her about Jesus and she accepted the Lord in her heart, dying in peace with God.

Ginevra - La ONU alla fine accetta l'uso del microchip per tutti coloro che operano nel suo protocollo di influenza per l'anno 2030. Dopo diverse notizie contrastanti, alla fine sembra che ci sia accordo perché, entro quell'anno, ogni essere vivente abbia impiantato il microchip biologico per l'identificazione. In realtà già il progetto è stato sperimentato su alcuni rifugiati, con dati legati a viso, occhi, e altri dati biometrici. Ogni nazione dovrà adeguarsi, come scrive la stessa ONU. L'Economic Collapse ha scritto in merito: "questo nuovo programma è un modello per il nuovo ordine mondiale".

Ginevra - ONU has finally accepted the use of microchip for all people under ITS influence within year 2030. After several controversial news,  it finally seems that there is an worldwide agreement so that, within that year, every human being should already have been implanted the biological microchip in order to be identified. Really, the project has already been tested among refugees, with data referring to the face, eyes, and other biometrichal data. Every nation should submit as it has been written by ONU itself. The Economic Collapse wrote: "This new programme is a model for the new global world Order".

E' il più alto numero di morti legate alla droga che l'america ha mai visto. Sono più morti che quelli del picco di AIDS del 1995. In un solo anno, gli Stati Uniti d'america hanno perso tanti americani per overdose di droga che quelli morti nella Prima Guerra Mondiale. Quasi  gli stess morti persi in 12 anni di Vietnam. E questo riguarda soltanto coloro che sono morti per overdose. Il numero nulla dice invece per i danni mentali che la droga crea in coloro che sopravvivono, per non dire nulla sulla miseria umana, le famiglie distrutte, e gli estremi di crimine legati alle imprese legati alla droga. Nel 2015 sono morti soltanto in America più di 52.000 vittime di overdose. E il numero può soltanto allargarsi nel tempo. Riflettiamo.


It’s the highest number of drug-related deaths America has ever seen. It’s more deaths than the peak of the AIDS epidemic in 1995. In a single year, USA have lost nearly as many Americans to drug overdose as we lost in battle in World War I. Almost as many as was lost in 12 years in Vietnam.
And that’s just overdose deaths. That number—as high as it is—says nothing about the long-term health damage to our citizens who survive, to say nothing about the human misery, the families ripped apart, and the extremes of crime and violence inherent in the illegal-drug enterprise. In 2015 only in America we have observed almost 52.000 dead people for overdose. And the number can only become larger in time. Let us think on these things.

Cardiff - Una organizzazione di insegnanti in UK ha argomentato che l'omosessualità e il transgenderismo debba essere insegnato ai bambini fin dalla scuola dell'infanzia. I membri della Unione Nazionale degli insegnanti ha votato, in una conferenza a Cardiff, per una misura volta a assicurare un contenuto educativo comprensivo per assicurare la promozione del transgender e dell'omosessualità in tutte le fasi dell'educazione - ha riportato The Evening Telegraph di martedì. Annette Pryce, un membro esecutivo dell'Unione Nazionale degli insegnanti da Buckinghamshire, ha riportato che il governo della GRanBRetagna non ha fatto abbastanza per promuovere l'inclusione.
L'Unione Nazionale degli insegnanti deve assicurare che tali diversità divengano oggetto di comprensione presso gli studenti anche dall'infanzia - ha continuato la Annette Pryce.
Andrea Williams, del Christian Concern, ha risposto che "i bambini di 4 anni non dovrebbero essere introdotti a tutto questo. Le scuole hanno bisogno di essere un luogo sicuro dove l'innocenza dei ragazzi viene protetta".

Cardiff - An organization of teachers in the U.K. has argued that homosexuality and transgenderism should be taught to young children starting in nursery school. Members of the National Union of Teachers group voted for a measure at a conference in Cardiff to ensure an educative content comprehensiveto grant the promotion of omosexuality and trasngenderism throughout all phases of state education The Evening Telegraph reported on Tuesday. Annette Pryce, a NUT executive member from Buckinghamshire, claimed that the U.K. government hasn't been doing enough to promote inclusion. The NUT should ensure that those diversities would became object of comprehension toward students even from nursery school - went on Annette Pryce.
Andrea Williams, from Christian Concern, has answered that "Children [age 4] should not be introduced to this. Schools need to be safe places where the innocence of children is protected,".


READ MORE

Cleveland - I figli del 74-enne di Cleveland che è stato ammazzato in un video LIve di Facebook nello scorso weekend, stanno perdonando l'assassino del loro Padre. Descritto come un uomo gentile timorato di Dio con capelli grigi, il signor Godwin Robert era fuori per una raccolta la domenica paquale, mentre raccoglieva lattine, la sua vita fu barbaramente interrotta. Godwin, un lavoratore pensionato della siderurgia, era padre di dieci figli, sei ragazze e quattro ragazzi. I suoi figli hanno detto che li portava in Chiesa tute le domeniche.
"La cosa che più mi porterò dietro di mio padre è che egli ci ha insegnato Dio: come temerlo, come amare Dio e come perdonare" - ha detto alla CNN Lunedì scorso Tonya Godwin Baines, una delle figlie di Godwin.
"noi desideriamo soltanto che tu sappia che Dio ti ama" - ha continuato verso l'aggressore del padre - "Noi ti amiamo, si ci fa male, ma dobbiamo perdonarti perché se non lo facciamo la Bibbia dice che il nostro padre celeste non perdonerà voi" Nel frattempo, il killer di Godwin, Steve Stephens, è a piede libero. La polizia ha offerto 50.000$ per informazioni che possano condurre al suo arresto. I figli di Godwin hanno chiarito che non desiderano la morte di Stephens, dicendo al Washington POst che il "loro padre è presso Dio". "Se sei la fuori torna in te stesso" - hanno comunicato al killer - "hai fatto abbastanza danno torna in te stesso".
Oggi abbiamo appreso la triste notizia che questo killer si è ucciso. Che tragedia! la violenza genera soltanto la violenza, mentre la grazia genera soltanto la misericordia.


Cleveland - The children of the 74-year-old Cleveland man who was gunned down in a Facebook LIVE video over the weekend are forgiving their father's killer. Described as a gentle, God-fearing man with gray hair, Robert Godwin Sr. was out for a stroll on Easter Sunday, collecting cans, when his life was abruptly ended.
Godwin, a retired foundry worker, was the father of 10 children, six girls and four boys. His children say he took them to church every Sunday.
"The thing I would take away most from our father is that he taught us about God: how to fear God, how to love God and how to forgive," Tonya Godwin-Baines, one of Godwin's daughters, told CNN Monday."We just want him to know that God loves him," she said. "We love him. Yes, we are hurt, but we have to forgive him because if we don't forgive him, the Bible says your heavenly Father won't forgive you."
Meanwhile, Godwin's killer, 37-year-old Steve Stephens, is on the run. Police have offered a $50,000 reward for information leading to his arrest. Godwin's children made it clear they didn't want Stephens dead, telling The Washington Post that his father was "up to God." "If you're out there turn yourself in," they declared to the killer. "You've done enough damage. Just turn yourself in."
Today we have drawn the sad news that this killer has killed himself. What a pity, violence generate only other violence, while grace of God generate only mercy.

New York - Una foto impressionante di due bimbe gemelle che si baciano mentre sono ancora nel grembo della madre è stata catturata dagli ultrasuoni, (Fetal Vision Imagin). Nel passato molti hanno criticato fortemente le immagini dei feti nel grembo delle madri non ritenendo che essi potessero essere umanizzati, (cioè essere equiparati a esseri umani in grado di provare sentimenti come quelli che noi proviamo). Di fatto la tecnologia può dimostrare l'umanità di un bimbo ancora non nato. Chi vuole ancora sostenere l'aborto?

New York — A remarkable 3D photo of twin girls kissing in their mother's womb has been captured by ultrasound, (Fetal Vision Imaging). In the past many people have been haeavily critical the fetal Vision 3D Imaging since thy could not believe that they could be humanized, (that is being compared with human being feelinf the same feelings like we feel). In point of fact, technology can demonstrate the humanity of an unborn baby. Who is still wishing to support pre-abortion?

 

ARTICOLO COMPLETO

Assistiamo a tante tragedie, ma alcune sembrano molto più devastanti delle altre, anche se apparentemente lontane dalla nostra vita. In Siria migliaia di bambini  sono rimasti ormai senza genitori, senza scuola, senza futuro. I 2/3 hanno visto morire sotto i loro occhi qualche loro caro. Tre milioni di bambini sono nati durante la guerra e circa 6 milioni hanno una immediata esigenza di aiuto. Il rumore di un aereo che passa paralizza ogni bambino, il cui terrore più grande sono le bombe. Adesso molti rischiano di finire o spose bambine o piccoli soldati. Ma non è soltanto questo il problema: coloro che scamperanno, domani, da adulti, saranno una generazione priva di serenità, una generazione insensibile alla violenza di qualsiasi genere, una generazione talmente abbruttita da sembrare parente delle fiere selvatiche. Circa 15.000 Istituti sono stati chiusi e ormai l'educazione è rimasta soltanto un sogno. Non possiamo più tollerare certe situazioni. E' ora di dire basta a questo conflitto e. probabilmente, a questo punto, la diplomazia servirà a ben poco. Aiutamo chi ha bisogno.

We can observe so many tragedies, but, some of them, seem to be worse than the others, even if very far from our environment. In Siria, thousands of children have been left without their parents, without any school, without any future. The 2/3 of them have observed some of their relatives being killed under their sight. 3 millions children were born during the war and about 6 millions have an extreme urgent need of help. An aircraft engine noise which is crossing over them paralize every children: their worst fear are the bombs. Now, many of them risk to become young brides or little soldiers. But this is not all the problem: those who will survive, tomorrow, once adults, they will be a generation without peace, a generation without being affected by every kind of violence, a generation so bad that would seem very close to the beasts of the field. About 15.000 schools have been closed and education is almost a dream. WE can not suffer certain situation. It is time to stop this war and, probably, at this very point, diplomacy will be useless. Let's us help those who are needingful.

 

 

Giordania - Degli archeologi hanno scoperto una cava sotterranea nella città di Rihab, e assicurano che si tratta della Chiesa più antica del mondo, datata fra il 33 e il 70 d.C. La cava si trova sotto la chiesa antica di San Giorgio, uno dei luoghi di culto più antichi al mondo. Gli studiosi hanno esplorato la caverna sotterranea scoprendo, almeno secondo quello che ritengono, il luogo di culto più antico al mondo.
"Abbiamo scoperto quella che riteniamo essere la prima chiesa cristiana nel mondo, datata fra il 33 e  il 70 d.C." - ha riportato Abdul Qader Al-Husan - direttore del Centro di Studi archeologici di Rihab. "Abbiamo le prove per credere che questa chiesa ha albergato i primi cristiani, fra cui i 70 discepoli di Gesù Cristo" - ha aggiunto l'archeologo.
Fra le altre cose, gli archeologi hanno scoperto un mosaico che menziona "i settanta che amano Dio", uno scritto che concorda con ciò che sostiene Luca 10:1. Al-Husan sostiene che i settanta sentendo della persecuzione a Gerusalemme si rifugiarono in questa grotta fondando poi chiese nel nord della Giordania.
Questi primi cristiani vivenano e praticavano la loro fede in segreto fino a che i romani stessi non abbracciarono il cristianesimo anni più tardi.
Dentro la cava c'è uno spazio circolare dove sono disposte delle pietre in cerchio per sedersi. Questo elemento circolare è importante, come sottolinea lo stesso archeologo, perché concorda con ritrovamenti similari per altri luoghi utilizzati per il culto cristiano.
Nella cava si trova anche un tunnel che conduse a una cisterna che provvedeva acqua agli abitanti dell'epoca.

READ MORE

Il Faraone conosciuto nella Bibbia come il padre di colui che vide gli Ebrei uscire dal Paese di Egitto, sembra sia stato riscoperto in uno scavo accidentale adesso affidato ad archeologi egiziani e tedeschi. Si tratterebbe di Ramses II, una statua alta 26 piedi circa, vicino i resti del tempio di Ramses II nella vecchia città di Eliopoli. La statua è fatta da quarzite ed è stata riscoperta immersa in acque sotterranee.  

Ramses II morì alla veneranda età di circa 66 anni, e fu colui che fondò la città di Eliopoli dove si adorava il Dio Sole. Con lui è da citare anche il faraone Akenathon che aveva cercato di distruggere le altre divinità egiziane inneggiando a un solo Dio, RA, il dio Dole per l'appunto. Questo particolare, riscontrato storicamente dalle scoperte fin qui effettuate, si incontra con particolari inquietanti e con iscrizioni particolari su alcuni reperti che vedrebbero proprio in quel periodo l'influenza di un popolo nomade chiamato iksyos dagli egiziani, che potremmo ricondurre proprio alla presenza ebrea nei confini di Egitto, e che adoravano un unico Dio e creatore. Alla morte di Akenathon il suo successore, Tutankamon, sembra riprese repentinamente il culto agli dei egiziani iniziando un aspro combattimento contro gli Iksyos, combattendoli aspramente.


Ramses, in ogni caso, conosciuto come Ramses il Grande, fu il terzo della diciannovesima dinastia di Egitto. Ebbe circa 200 concubine, generò 96 figli e sei figlie, e governò in un periodo compreso tra il 1279 e il 1213 a.C.

Insieme alla gigantesca statua di Ramses II, è stata ritrovata una piccola statuina di Seti II il suo secondo nipote, e questo confermerebbe anche che la statua gigante appartenga a Ramses II.

Leggi di più

Dopo tre ore di dibattito intenso e mirato, nella Cittadina di Charlotte, il consiglio comunale ha deliberato quasi all'unanimità di allargare il permesso di usufruire dei servizi pubblici e delle cosidette stanze di riposo comuni anche ai transgender. La notizia, che sembrerebbe avere poca rilevanza, in realtà adesso consente (e obbliga) lo stesso consiglio comunale a costruire degli spazi appositi perchè i tre generi, (maschio, femmina e transgender) possano "convivere" apertamente e pubblicamente, senza dovere obliare il proprio "sesso" di appartenenza. In merito a questo i primi provvedimenti riguardano proprio la modifica dei bagni pubblici e della cartellonistica che deve contenere una zona adatta sia per gli uomini che per le donne che per gli "indecisi". A, dimenticavamo, si sono dimenticati delle mamme con bimbi da allattare, ...., ma ai diversamente abili ancora ci pensano, per fortuna.

Fonte: http://www.christiantopnews.com/articles/charlotte-expands-lgbt-rights-kasich-defunds-planned-parenthood-false-story-about-rubio-leads-to-firing-of-cruz-staffer-joey-rory-share-week-to-remember/

Andrapradesha (INDIA) - E' di oggi la triste notizia che il Pastore evangelico Maraiah, che lavorava nel campo evangelistico presso Andrapradesh, molto vicino la missione delle chiese Jeshua in India guidata dall'Apostolo Ramesh babu Peteti, è stato ucciso dai Mahoisti, termine che deriva dal villaggio di Naxalbari,
Diffusi soprattutto negli Stati dell'Andra Pradesh e del Chhattisgarh, i Naxaliti sono accreditati di un esercito di circa 10-15 000 uomini riuniti nel People's Liberation Guerrilla Army, espressione militare del Partito Comunista d'India (maoista) il cui leader è Muppala Lakshman Rao, detto Ganapathi. Gli insegnamenti del Vangelo andavano troppo contro le teorie mahoiste e il pastore, nel corso della sua attività era stato diverse volte minacciato, ma lui, imperterrito aveva continuato a promulgare il Vangelo. Nei mesi scorsi uno dei suoi figli era stato rapito e poi rilasciato miracolosamente dopo intercessioni e preghiere. Ma questa volta per il Pastore è arrivata la sentenza di morte. E la morte dei martiri è il seme della Chiesa.
Ringraziamo il Signore perché ancora oggi, qualcuno è disposto ad anteporre la propria vita rispetto al Vangelo del Signore Gesù Cristo. Possa il Signore confortare la famiglia e la Chiesa. Possa il Signore fare nascere tanti altri uomini come lui.

Proprio ieri la notizia della scomparsa del noto attore di film comici in coppia solitamente con Terence Hill, ancora alle prese con Don Matteo. L'attore, che ha sempre fatto divertire milioni di italiani e non, ha avuta una vita travagliata e costellata di successi insperati inseguendo sempre qualcosa di diverso da ciò che invece riusciva bene a fare.

Nella sua giovinezza, infatti, si dedicava moltissimo allo sport, con discreti risultati, ma non aveva ritorni di nessun genere e le bollette di casa si sommavano terribilmente fino a che fortuitamente, fu reclutato per una parte minore in un film. Accettò a malincuore la parte soltanto per potere pagare le spese di casa, e pian piano si è trovato costretto, per così dire, a recitare la parte di un gigante buono, perennemente insoddisfatto, era la parte che gli si addiceva di più.

Sembra incredibile, ma se ci fate ben caso questo ricalca molto spesso la nostra stessa vita. Abbiamo tante cose, e le reputiamo male soltanto perché sono "nostre" .... considerando tutto ciò che nostro malgrado non possiamo fare come il nostro obiettivo. Capitano di una nave malconcia, viene licenziato perché qualcuno ha deciso così per lui, e senza buonuscita. Raccoglitore di conchiglie, sbuffa continuamente non riuscendo a trovare il pezzo del motore che gli permetterà di tornare alla sua vita felice. E alla fine non riparte mai. Al contrario, ripartono sempre i guai. Stereotipo del nostro modo di fare, Bud spencer, nella vecchiaia, ha rilasciato questa dichiarazione che ci pare importante da farsi leggere:

«Io credo perché ho bisogno di credere in Dio e nel "dopo" che c'è oltre la vita. La fede, per me, è un dogma. Un valore assoluto. Che fa parte della vita di chiunque, anche di quelli che dicono di non credere Nella mia vecchiaia avanzata ho bisogno della religione più che mai. Ho bisogno della fede. Credo in Dio, è ciò che mi salva. E prego. Perché? Perché riconoscono in modo sempre più forte come sia nulla ciò a cui prima attribuivo un grande valore. Lo sport, dove volevo affermarmi, la popolarità. Chi si inorgoglisce per queste cose, chi insegue solo il successo, la fama, è un idiota».

Parola sagge, diremmo noi, ma parole che se giungono alla fine di una vita a poco possono servire se non agli altri. Non bisogna credere soltanto per la necessità di credere ma perché siamo spinti a farlo dalla nostra coscienza. Ma, dobbiamo dire, concordiamo in pieno con l'amico Bud quando conclude che chi insegue fama e successo è un idiota. Si, non per fare inutili sproloqui, ma perché costoro si perdono ciò che veramente conta nella vita

Le persone più potenti d'Europa hanno preso parte alla cerimonia di apertura di un tunnel che unisce le Alpi svizzere costato circa 11 miliardi di euro alla base di San Gottardo misura oltre 57 chilometri. Il progetto ha impiegato circa trent'anni e per la sua realizzazione ed è costato diverse vite umane. Fin qui nulla di particolare. Il problema vero è che nel momento in cui i potenti dei Europa stavano per mettersi a guardare la classica cerimonia di apertura di un'opera pubblica si sono visti spiazzato in qualche modo con una cerimonia alquanto strana. Tanto per cominciare a presiederla di Ron uomo che aveva la testa di capra esattamente come Satana viene rappresentato nella cabala. Anziché paggi e folletti che danzano si vedono entrare diverse centinaia di persone che rappresentano la forza lavoro truccato in modo da sembrare degli zombi i quali si muovono a musica di danza e cominciò lentamente per poi finire correndo ballando e saltando. Dopo questo si vede arrivare un treno con una serie di uomini e donne vestite soltanto con l'intimo e sopra di essi un angelo con la faccia di bambino ma che rappresenta inevitabilmente a Lucifero con due ali scende e a lui tutti si inginocchiano. Cominciano a comparire dei lenzuoli che rappresentano dei fantasmi e si vedono appesi al muro di operai morti durante i lavori occulta prende il sopravvento E tutto sembra davvero rifarsi al nuovo ordine mondiale. Qualcuno se la ride prendendo la questione come na semplice rappresentazione di una capra simbolo di quelle Alpi in realtà scavando nella storia si vede come il tutto sia riconducibile alla cerimonia del dio Baphomet.

Uno studio condotto dalla Università di Harvard, compiuto su un campione statistico di 75.000 donne La conclusione della ricerca degli esperti di Boston è destinata a fare tanto scalpore dato che la percentuale di mortalità si abbassa di circa il 33% riguardo a quelle donne che frequentano una chiesa per più di una volta a settimana.
La notizia, che non può passare inosservata, in realtà è abbastanza ben spiegabile proprio attraverso la parola di Dio stessa Che ci informa adeguatamente sul fatto che seguire Cristo significa vivere una vita con meno vizi. E, I vizi sono portatori di mortalità. Nulla da stupirci allora, semmai dobbiamo prendere questa "scoperta" come una conferma di ciò che già chi segue Cristo sa benissimo.
Arrendiamoci alla grande mano di Dio e vedremo anche da questo punto di vista un netto miglioramento delle nostre condizioni di vita.

News Cristiane