22
Fri, Jun

Youtube-alcoholic

Attualità

Oggi si parla di tante dipendenze e di tanti vizi. La nostra mente spazia tra alcolismo, droga, fumo, gioco, violenza, abuso sessuale, pedofilia, e la lista purtroppo si allunga con una nuova forma di dipendenza che ha degli effetti devastanti nella psiche umana. Stiamo parlando della youtube dipendenza. Sembrerà incredibile chela piattaforma di Google dalla quale si possono scaricare migliaia di video di qualsiasi genere e tipo, possa costituire una minaccia così seria per l'uomo. Eppure, proprio negli Stati Uniti, arriva il caso di una prima ragazza che a 13 anni è stata ricoverata in ospedale psichiatrico. I genitori avevano notato nel corso delle ultime settimane un comportamento inusuale da parte della ragazzina. Infatti aveva cominciato a guardare ossessivamente e continuamente video su Youtube, passando sostanzialmente tutta la giornata sullo schermo. La dipendenza “digitale” non è ancora considerata ufficialmente una patologia dalla comunità medica internazionale, ma i sintomi sembrano essere in linea con le caratteristiche tipiche ad esempio della ludopatia. Si comincia con il calo delle attività normali, un innalzamento della frenesia di attaccamento al canale, e pian piano la depressione più acuta comincia a fare il capolinea tenendo il soggetto in una costante attitidune violenta e senza lucidità mentale.

In Evidenza

Un fuoco intenso ha bruciato una Chiesa. Questa chiesa si trova a Crothersville, in Indiana, e si chiama Lighthouse Tabernacle. L'edificio della sala culto ha cominciato a prendere fuoco con fiamme alte tre metri e il fuoco ha divorato tutto. O, almeno, i pompieri pensavano che il fuoco avesse divorato tutto se non che con grande loro sorpresa hanno trovato la Bibbia utilizzata nella predicazione perfettamente intatta. Charles Densford - CApo squadra dei vigili del fuoco impegnati nel recupero dell'edificio, ha dichiarato che "questa storia ha dell'incredibile". In effetti, diverse Bibbie nell'ufficio pastorale sono rimaste incredibilmente intatte. L'Evangelista Sam Stegall con il pastore Jerry Miles, non credono ai loro occhi. Dio è grande.

Tratto da acocenter cristianos

 

An intense flame has burned a church. This church locates in Crothersville, Indiana, and its name is Lighthouse Tabernacle. The building of the worshipp room started to be burned with three high meters flames and the fire has devoured everything. Or, at least, fireworkers thought fire has burned everything but with their great surprise they found out that the bible usually used for the sermon was in normal condition. Charles Denford - the chies fireworker involved in the restoring of the building, has declared that this story has got something of incredible. In effects, several Bibles in the pastoral office were found ouy to be incredibly saved from the fire. Evangelist Sam Stegall with the Pastor Jerry Miles, they do not believe to their eyes. God is great.

Drawn from Acocenter cristianos

 




Uno dei più ardenti sostenitori del Presidente Trump, l'evangelista Franklin Graham, ha alzato la voce per dissentire dalla pratica di separazione delle famiglie al confine, chiamandola "sgradevole". Ma se i leader evangelici hanno provato pena nel vedere i bimbi essere separati dai loro genitori, essi non hanno direttamente condannato Trump. "Nonè colpa dell'amministrazione Trump" - ha detto Graham in una intervista il lunedì, mentre ripeteva le sue dichiarazioni sulla separazione dei bimbi dalle famiglie. "Non punto il dito contro Trump" ha dichiarato il pastore Robert Jeffress, il Pastore della Prima Chiesa Battista di Dallas, che ha fatto una preghiera controversa all'apertura dell'ambasciata americana a Gerusalemme lo scorso mese, ha detto che lui supporta pienamente la politica del Presidente. Lui chiama la separazione delle famiglie una agonia e l'ottica della situazione orribile. Ma egli ha detto pure che è ancora peggio vedere immigranti entrare illegalmente nel Paese e far male o uccidere gli americani, facendo eco a uno dei primi argomenti della politica "tolleranza zero" del Presidente Trump. Jetze Franklin, il pastore della Cappella libera a Gainesville, un altro consigliere informale evangelico di Mr Trump, ha detto che non concorda con la decisione dell'Avvocato Generale Jeff di citare un verso delle Bibbia per difendere l'amministrazione politica. Il più alto tasso di criticismo religioso della separazione ai confini è pervenuto mercoledì da Papa Francesco, che ha definito la politica dell'amministrazione Trump "immorale" in una intervista al Reuter.

Tratto dal NEW YORK TIMES - 20/06/2018 di Elizabeth Dias.

Dio ha istituito per prima cosa la famiglia, e guai a chi la tocca. Non stupisce che gli ambienti evangelici non manifestino un grido unanime contro la separazione dei bimbi dalle loro famiglie. Ormai moltissime Chiese Evangeliche, nel tentativo di acquistare potere, vanno a braccio con la politica seguendone i passi. Ma Dio lo ha scritto anzitempo: "Date a Cesare quel che è di Cesare...". Guai a chi mischia le cose di Dio con quelle degli uomini. E, permettetemi di dire, non ci sono ne scuse ne eccezioni.

Long one of President Trump’s most ardent defenders, the evangelist Franklin Graham voiced strenuous dissent this week about the practice of separating families at the border, even calling it “disgraceful.” But if evangelical leaders were pained by the sight of children being taken from their parents, they did not directly fault Mr. Trump.“This is not the administration’s fault,” Mr. Graham said in an interview on Monday, while reiterating his stance against family separation. “I don’t point the finger at Trump.’’ said Robert Jeffress, the pastor of First Baptist Dallas, who gave a controversial prayer at the opening of the United States Embassy in Jerusalem last month, said he fully supported the president’s policy.He called the separation of families “gut-wrenching” and the optics of the situation “horrible.” But he said it was more gut-wrenching to see immigrants enter the country illegally and harm or kill Americans, echoing one of the president’s prime arguments for “zero tolerance.”Jentezen Franklin, the pastor of the Free Chapel in Gainesville, Ga., another informal evangelical adviser to Mr. Trump, said he disagreed with Attorney General Jeff Sessions’s decision to cite a passage from the Bible to defend the administration’s policy. The highest-level religious criticism of the border separations to date came Wednesday morning from Pope Francis, who called the Trump administration’s policy “immoral” in an interview with Reuters. 

Drawn from NEW YORK TIMES - June 20, 2018 by Elizabeth Dias

God has foremostly instituted family, and woe to those who touch it! It is not amazing that evangelical gropus do not stress a full dissent in agreement against the separation of children with their families. Nowadays many evangelical churches, in the attempt to acquire power, they come along with politics following its steps. But God has formerly warned us: "Give to Caesar what belongs to Caesar..." Woe to those who mix God's things with human's ones. And, let me say that there are no excuses or exceptions. 

Per grazia del Signore Venerdì 28 Luglio 2017, alle ore 21:00 nei locali della chiesa Cristiana di Capaci - Passaggio albatross, (sotto la CRAI), verrà proiettato in visione gratuita il film La battaglia di Hacksaw Ridge, di Mel Gibson, un lungometraggio dal sapore cristiano dei valori di un tempo.

Ogni caro lettore che vorrà presenziare potrà contattare la segreteria della Chiesa attraverso l'email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per avere un posto riservato.

Dio benedica quanti presenzieranno.

Oggi si parla di tante dipendenze e di tanti vizi. La nostra mente spazia tra alcolismo, droga, fumo, gioco, violenza, abuso sessuale, pedofilia, e la lista purtroppo si allunga con una nuova forma di dipendenza che ha degli effetti devastanti nella psiche umana. Stiamo parlando della youtube dipendenza. Sembrerà incredibile chela piattaforma di Google dalla quale si possono scaricare migliaia di video di qualsiasi genere e tipo, possa costituire una minaccia così seria per l'uomo. Eppure, proprio negli Stati Uniti, arriva il caso di una prima ragazza che a 13 anni è stata ricoverata in ospedale psichiatrico. I genitori avevano notato nel corso delle ultime settimane un comportamento inusuale da parte della ragazzina. Infatti aveva cominciato a guardare ossessivamente e continuamente video su Youtube, passando sostanzialmente tutta la giornata sullo schermo. La dipendenza “digitale” non è ancora considerata ufficialmente una patologia dalla comunità medica internazionale, ma i sintomi sembrano essere in linea con le caratteristiche tipiche ad esempio della ludopatia. Si comincia con il calo delle attività normali, un innalzamento della frenesia di attaccamento al canale, e pian piano la depressione più acuta comincia a fare il capolinea tenendo il soggetto in una costante attitidune violenta e senza lucidità mentale.

Siamo stati contattati da un corrispondente, fratello Gennaro Grassi, che ha posto il caso reale della piccola Ana'el, una bimba di soli tre anni che è malata gravemente di cancro. I genitori non sanno cosa fare, e la luce di Dio è arrivata anche a loro. Non si stanno chiedendo soldi per un intervento speciale ne questa è la solita bufala che di tanto in tanto serve per alimentare i mi piace e le visite di qualche manigoldo che non ha altro tempo da perdere. Si tratta di un caso reale. Vogliamo la tua preghiera, costante, davanti a Dio. Tutto qua. Nello  stesso tempo ti chiediamo di condividere e divulgare la notizia nella tua bacheca in modo tale che siano il maggior numero di persone a pregare in modo tale che Dio possa rispondere al nostro grido. Pace di Cristo

 

We have been alerted by our correspondent, brother Gennaro Grassi, who have stressed the situation of the child ANA'EL, a three years child severely affected by a cancer. HEr parents do not know what to do, and the light of God has reached them, too. WE are not asking for money for a special surgery, neither this is the usual fake news which appears from time to time with the only aim to boost like abd view of a certain criminal who has no other more serious thing to face with. This is a REAL case. WE ask for your pray, persevering pray, before the throne of God. Here it is. In the same time, we ask you to share and promote the new in your profile in such a way that the most wide number of individuals could pray so that God will respond to our cry. Peace of Christ.

 

Pastor Gabriele

Corresponding author: Br. Gennaro Grassi

Le analisi del Bloomberg Business, mostrano che 162 centri per fare l'aborto in USA hanno chiuso dal 2011 ad oggi, mentre soltanto 21 sono stati aperti.
Il Mississipi, il Missouri, il Nord e il Sud Dakota, e il Wyoming hanno una sola clinica per l'aborto rimassta aperta, mentre gli avvocati hanno cercato di mettere delle restrizioni.
I gruppi a favore della vita hanno celebrato questa notizia e aspettano che la Suprema Corte degli USA ascolti quest'anno le restrizioni alla legge sull'aborto del TExas.


Analysis by Bloomberg Business shows that 162 abortion providers across the U.S. have closed since 2011 while only 21 opened.
Mississippi, Missouri, North and South Dakota and Wyoming have only one remaining abortion clinic as lawmakers have tightened regulations on providers, much to the chagrin of abortion advocates.
Pro-life groups celebrate the news and await the U.S. Supreme Court’s hearing this year on the Texas law restricting providers.

Lacey Buchanan non ritiene che Dio compia degli errori. "Le promesse di Dio sono vere anche quando le cose non girano sulla strada che noi pensiamo debbano girare" ha detto al Gospel Herald. "Dio ha un piano che è così più ampio di ciò che la nostra visione limitata può riuscire a vedere. Dio è degno di aver fiducia ed Egli è buono nelle Sue promesse. Dio è buono, e si prende cura dei suoi figli".
Lacey parla per la sua esperienza. a soli 23 anni, la nativa del Tennessee era al secondo anno di matrimonio con il suo innamorato della scuola superiore, sta anticipando il suo primo anno di scuola di legge, ed è incinta del suo primo figlio. Comunque quello che sembrava essere il più bel tempo della sua vita prese una svolta alquanto strana.
Agli ultrasuoni della 18esima settimana, Lacey e suo marito. Chris, furono avvisati che essi stavano per avere un bambino con un difetto alla nascita, anche se non potevano stabilire la gravità di quel difetto.
"Siamo andati a quell'appuntamento molto felici ed euforici per scoprire quale bambino stavamo per partorire, e in pochi momenti il nostro mondo intero ci cadde addosso" - ricorda Lacey. "Eravamo devastati al pensiero di dovere apprendere la diagnosi. Fu una tempesta sopra di noi".
Il Febbraio 18 del 2011 Christian nacque con una rara sindrome conosciuta come sindrome di Tessier senza occhi e con un palatto schiacciato.
"La nostra fede fu messa a dura prova" dice Lacey. "Noi ci ponevamo tutte le domande che naturalmente vengono poste in questi casi "Perché Dio non lo ha guarito nel modo che avrebbe dovuto?"
Nel primo mese di vita, Chris fu tenuto sotto stretta osservazione. Quando fu finalmente in grado di andare a casa una sfida emotiva, spirituale, caratteriale, finanziaria, invase Chris e Lacey nella loro unione matrimoniale. Durante questo periodo essi pregarono insistentemente senza sosta sopra il piccolo fanciullo.
Giusto per peggiorare la questione attendevano commenti negativi per Lacey via social media. "quando Chris aveva tre mesi, feci conoscenza con una signora in privato la quale mi scrisse che avrei dovuto piuttosto abortire, sarebbe stata la cosa più giusta da fare, perché quel bimbo avrebbe avuto una vita patetica e miserabile" dice Lacey.
Quel commento nello specifico fece nascere qualcosa in Lacey che si mise in animo di fare un video per descrivere la gioia che Chris porta ad entrambi e il trionfo che lui stesso ha quando incontra altra gente.
Il video di sette minuti racconta soltanto dell'amore dei genitori per il figlio. Anche noi abbiamo dei difetti ma il nostro Padre ci ama così come siamo.Il mondo è affamato di amore".


Lacey Buchanan doesn't believe God makes mistakes.
"God's promises are true even when things don't turn out the way we think they should," she told The Gospel Herald. "God has a plan that is so much bigger than we can ever see in our limited scope and vision. God is trustworthy and He is good on His promises. God is good, and He takes care of His children."
Lacey speaks from experience. At just 23 years old, the Tennessee native was enjoying her second year of marriage to her highschool sweetheart, anticipating her first year of law school, and pregnant with her first child. However, what should have been the happiest time of her life suddenly took a turn.
At the 18-week ultrasound, Lacey and her husband, Chris, were told their unborn baby, Christian, had a birth defect - but doctors weren't sure just how severe it would be.
"We went into that appointment very happy and excited to find out that we were having a boy, and within just a few days, our whole world came crashing down around us," Lacey recalled. "We were devastated to learn his diagnosis. It was a hard blow for us."
On Feb. 18, 2011, Christian was born with a rare syndrome known as Tessier cleft lip and palate, leaving him with a severely cleft palate and missing eyes.
"Our faith was definitely challenged," Lacey said. "We asked all the questions that anybody would ask in that situation; we asked, 'why isn't God fixing it the way we think He should?"
For the first month of his life, Christian remained in the neonatal intensive care unit. When he was finally able to come home, the physical, financial, and emotional challenges Lacey and Chris were met with took a toll on their marriage. During this time, the couple prayed tirelessly over their little boy.
Only making matters worse were the horrible comments people would make to Lacey via social media. "When Christian was three months old, I had an acquaintance private message me on social media, and she told me I should have aborted Christian and that it would have been the compassionate thing to do, because he'd have a miserable and pathetic life. She went on and on about how selfish I was for not aborting him," Lacey said.
That particular comment stirred something in Lacey and prompted her to make a video in which she describes the joy Christian brings her, the love she and Chris have for their little boy, and the triumph she feels when he giggles in the face of unfriendly glances from strangers.
"It's about the love of the Father for His children. We're all sinful, but God sees His children because of Jesus and I feel like people resonate with that real, true, love. I think the world is hungry for love, and they were able to see that in that video for just a few minutes."

Parigi - La suprema Corte francese ha rigettato la nozione di un genere sessuale "neutro". La sentenza riprende la decisione di una corte minore che aveva negato a un cittadino francese che aveva una malformazione del genere sessuale, il diritto a usare la parola "neutro" come proprio genere sessuale ufficiale. La corte di Cassazione, la Corte suprema francese, ha sentenziato che la distinzione tra maschio e femmina è stata "necessaria per l'organizzazione legale e sociale, di cui ne è pietra miliare", e che il riconoscimento di un genere sessuale neutro avrebbe "profonde ripercussioni sui ruoli della legge francese" e e necessiterebbe di cambi legislativi, secondo l'Agenzia francese France-Presse. La persona in questione, uno psicoterapeuta di 65 anni della francia dell'est conosciuto con lo pseudonimo Gaetan Schmitt, è stato assegnato maschio all'anagrafe nonostante abbia entrambi gli organi genitali, (maschile e femminile, ndr). Schmitt è sposato con una donna, ha adottato un bambino ma richiede di non essere ne maschio ne femmina.
Solo  pochi Paesi, fra cui Australia, Nepal, India e Nuova Zelanda, hanno un terzo genere sessuale legale. Gli altri Paesi permettono soltanto ai genitori di non dichiarare subito il genere sessuale per un bimbo nato con una malformazione sessuale, ma soltanto per un tempo limitato. Perier, l'avvocato di Schmitt ha detto che costui è stato cresciuto come un maschio solo perché la mamma voleva un maschio. "Gaetan non è ne maschio ne donna. Non si sentono ne maschio ne donna. Non possono diventare ne maschio ne femmina" ha dichiarato Perier, riferendosi a Schmitt con un pronome plurale. Schmitt pensa di portare il caso alla corte Europea dei Diritti umani.


Paris - France’s highest court last week rejected the notion of a “neutral” gender. The ruling upheld a lower court’s decision denying a French citizen with a sex development disorder the right to use “neutral” as an official gender. The Cour de Cassation, France’s supreme court, ruled that the distinction between male and female was “necessary to the social and legal organization, of which it is a cornerstone,” and that the recognition of a neutral gender would have “profound repercussions on rules of French law” and necessitate legislative changes, according to Agence France-Presse. The plaintiff, a 65-year-old psychotherapist from eastern France known by the pseudonym Gaetan Schmitt, was assigned male at birth despite having intersex genitalia. Schmitt is married to a woman and has an adopted child but claims to be neither male or female.
Only a few countries, including Australia, Nepal, India, and New Zealand, have a legal third gender. Other countries allow parents to delay declaring a gender for babies born with a sex development disorder, but only for a limited time. Périer said Schmitt was raised as a boy because his mother wanted a son.
“Gaetan is neither a man nor a woman. They do not feel like a man or woman. They cannot become a man or woman. And they do not want to become a man or woman,” Périer said, referring to Schmitt with a plural pronoun. Schmitt plans to take the case to the European Court of Human Rights.

 

READ ORIGINAL ARTICLE

Altri contenuti

Grid List