31
Sun, May
Free popup login

Stella o Astro del mattino?

Domande e Risposte

Esiste una sottile confusione tra il popolo di Dio riguardo a degli epiteti che sono propri di Lucifero e di Gesù Cristo il Signore. Il profeta Isaia parla di astro del mattino quando vede discendere il figlio dell'aurora:


Isaia 14:12 - Come mai sei caduto dal cielo, astro mattutino, figlio dell'aurora? Come mai sei atterrato, tu che calpestavi le nazioni?

 

Dalla Parola di Dio vediamo che a Satana non viene mai attribuito un nome proprio, quasi a non volergli dare importanza o a non "riconoscerlo". Per il Signore chiamare per nome è un affare importante. Si pensi a tutte le volte che Egli ha scelto un Suo servo nel Vecchio Patto, la prima cosa sulla quale interveniva era cambiargli il nome. Bene, riguardo questo epiteto che viene attribuito a Lucifero, molto spesso si fa confusione con un altro che invece è proprio del Signore Gesù.

Apocalisse 22:16 - Io, Gesù, ho mandato il mio angelo per attestarvi queste cose in seno alle chiese. Io sono la radice e la discendenza di Davide, la lucente stella del mattino».

L'esegesi in senso stretto già sembra portarci molto lontano. Nel profeta Isaia, parlando del termine mattino viene usato H7837 shackar, che significa appunto alba, o più propriamente, "rottura con il buio precedente della notte". Nel caso di Apocalisse invece viene usato il termine G3720 orthrinos, che significa "primiero" o primizia, o primo in assoluto, quasi ad identificare una luce che viene prima di ogni altra.

Se poi decidiamo di abbandonare l'esegesi per concentrarci sulla semplice lettura delle traduzioni in nostro possesso, vediamo che, da una prima indagine dei termini utilizzati nelle nostre versioni italiane, la differenza fra astro e stella è già imperante per farci capire. L'astro può anche essere una stella. Ma di solito, nella nostra lingua, quando ci riferiamo ad un corpo celeste privo di luce, parliamo di astro, al contrario, quando stiamo parlando di un corpo celeste che irrora luce intensa, preferiamo indicarlo con il termine più specifico di stella. Già questa prima differenza ci fa comprendere bene che l'uno non è portatore di luce. Lo era nella misura in cui veniva irrorato dalla Santità di Dio. Al contrario il Signore Gesù Cristo è e resterà sempre la nostra luce. E, se noi siamo luce a questo mondo, lo siamo sempre attraverso Dio.

Ma, andando avanti nella nostra dissertazione, troviamo qualche altro aspetto non meno interessante da valutare. Nelle versioni in lingua inglese, segnatamente la King James version, troviamo una ulteriore differenza che ci fa cogliere meglio questo aspetto.

Revelation 22:16 - I Jesus have sent mine angel to testify unto you these things in the churches. I am the root and the offspring of David, [and] the bright and morning star.

Mentre Gesù Cristo il Signore si afferma essere la lucente stella del mattino, (già stella significa lucente, e il ricordarlo non fa altro che evidenziarne la sua intensità) nel libro del profeta Isaia troviamo sorprendentemente:

Isaiah 14:12 - How art thou fallen from heaven, O Lucifer, son of the morning! [how] art thou cut down to the ground, which didst weaken the nations!

Nella versione in lingua inglese, la differenza che leggiamo nelle corrispondenti versioni in lingua italiana, viene resa ancora con maggiore efficacia. Mentre Gesù Cristo il Signore è, (eterno presente) la lucente stella del mattino, Lucifero è il figlio di questo mattino, una creatura che proprio perché nella braccia del Suo creatore splendeva di luce, ma che ha perso (astro) come un qualsiasi pianeta che si raffredda la propria capacità di illuminare, divenendo padre delle tenebre e della confusione. Il termine ebraico per figlio usato in Isaia 14:12 è H1121 Ben, espressione dai mille risvolti e significati ma che in Isaia viene indicato per etichettare qualcosa nato senza un nome proprio, (senza importanza). La radice ripresa in questo caso è infatti בֶּןמַֿלְכֵיקֶֿדֶם